La nuova "Cartoguida dei sentieri Po e collina torinese"

Promuovere il territorio valorizzando la rete escursionistica.

Promuovere il territorio attraverso un prodotto editoriale ad ampia distribuzione, puntando sul turismo escursionistico e sulla valorizzazione della ricca rete di sentieri delle colline torinesi.

E’ l’obiettivo della nuova “Cartoguida dei sentieri della Collina Torinese”(Neos Edizioni), realizzata dall’Ente Parco del Po e della Collina Torinese con Atl Turismo Torino e Provincia, e illustrata questa mattina, presso il Centro Incontri della Regione Piemonte, alla presenza dell’assessore regionale ai Parchi e aree protette, Gian Luca Vignale.

La “Cartoguida” propone due mappe e 47 escursioni per scoprire l’area collinare tra Torino, il Po e l’Alto Astigiano, esplorando i percorsi più belli e sicuri nelle 14 aere protette gestite dal Parco. Una pubblicazione in grado di offrire una panoramica completa e dettagliata dei sentieri che si snodano sui rilievi collinari lungo il Po, da Moncalieri a Verrua Savoia, coinvolgendo, a sud, Chieri e Castelnuovo Don Bosco.

Per costruire la “Cartoguida”, l’Ente Parco ha lavorato in stretta sinergia con i Comuni interessati dalla cartografia, condividendo una selezione di sentieri che permettono di far conoscere al meglio a visitatori e turisti lo straordinario patrimonio paesaggistico delle colline torinesi del Parco del Po. Il progetto ha potuto contare anche sul supporto della diffusa rete del volontariato, rappresentato dal Coordinamento dei Sentieri della Collina torinese e dalle esperienze e conoscenze acquisite da questa realtà, proseguendo ed ampliando l’azione di promozione del sistema escursionistico della collina, destinato a diventare un elemento di interesse non solo turistico, ma anche di fruizione quotidiana per i cittadini che risiedono nei territori tra Torino ed Asti.

“Questa pubblicazione - spiega l’assessore ai parchi e alle aree protette della Regione Piemonte, Gian Luca Vignale - porta il lettore alla scoperta degli ambienti naturali e paesaggistici di ben 14 aree, situate a due passi dal centro storico di Torino. Oltre all’importante funzione di promozione e valorizzazione turistico, culturale e paesaggistica di questa pubblicazione, il grande valore di quest’opera è il lavoro di squadra, che oltre all’Ente parco e la Regione Piemonte vede il coinvolgimento diretto di ben 38 amministrazioni comunali, necessario per la sua realizzazione, che ancora una volta dimostra la grande sinergia tra parchi e territorio. L’augurio è che, questo grande la questa guida possa portare i piemontesi, i turisti e tutti gli appassionati di outdoor a conoscere e ad apprezzare l’area collinare torinese che presenta una ricchezza particolare da un punto di vista naturalistico, sportivo, culturale e paesaggistico”.

“Con questa guida – spiega il presidente dell’Ente Parco del Po e della Collina Torinese, Giuseppe Bava - abbiamo dotato tutta la collina torinese da Moncalieri a Verrua Savoia di uno strumento di fruizione turistica , confermando il ruolo duplice dei Parchi: da un lato attenti alla tutela della natura e dall'altro partner dei progetti di turismo, promozione e sviluppo locale. Un soggetto quindi attivo sul territorio e che in questa occasione ha anche aperto una stretta cooperazione con i Comuni e con gli operatori privati della ricettività costruendo un club di promozione insieme agli editori ed all'ATL , su questa strada proseguiremo insieme alla Regione e all'Assessore Gianluca Vignale”