SU INDESIT NECESSARIO CHE LA GIUNTA BATTA UN COLPO.

“L’attendismo in ambito delle trattative dei tavoli di crisi non paga. Se la Giunta Chiamparino non batte un colpo con la proprietà Indesit/Whirpool, pretendendo che venga dato seguito agli accordi sul centro ricerche di None, non porteremo a casa nulla in termini di salvaguardia dei livelli occupazionali”. A sostenerlo i consiglieri regionali di Forza Italia Claudia Porchietto e Gianluca Vignale a seguito della risposta fornita dall’assessore De Santis ad una loro interrogazione presentata oggi in Consiglio regionale per avere rassicurazioni sul futuro dei 90 lavoratori del sito torinese.


FINALMENTE CHIARITA ENTITA’ FINANZIAMENTO FONDAZIONE FILADELFIA DA PARTE DELLA REGIONE.

“Grazie all’approvazione dell’articolo 11 della legge Finanziaria è stato chiariro in norma il finanziamento di 3,5 milioni di euro più gli interessi da parte della Regione Piemonte alla Fondazione Stadio Filadelfia”, lo fa sapere il consigliere regionale Gian Luca Vignale, al termine del voto avvenuto oggi dell’articolato in Consiglio Regionale.

“Finalmente – prosegue Vignale – dopo giorni di dubbi finalmente sono state chiarite le volontà della norma del 2012, di cui sono stato promotore, e delle reali risorse che la Regione Piemonte intende dedicare per sostenere la ricostruzione del grande stadio Filadelfia, 3,5 milioni di euro più gli interessi.

LA MAGGIORANZA BOCCIA LE NOSTRE MOZIONI A DIFESA DEL SAN LUIGI.

Nel Consiglio regionale sono stati bocciati due ordini del giorno presentati dal gruppo di Forza Italia, di cui di uno sono stato il presentatore, in cui si chiedeva che la Giunta garantisse il mantenimento del servizio salva-vita dell'Emodinamica e non venissero trasferiti parte dei laboratori al Mauriziano. 
Entrambe le mozioni sono state bocciate dai consiglieri regionali del Partito Democratico, SEL, Moderati e Lista Chiamparino. 
È evidente la volontà del centrosinistra di svuotare il San Luigi di servizi essenziali per tutti i cittadini (600.000!!!) della zona limitrofa a Orbassano e delle Valli di Susa e del Pinerolese. Almeno abbiamo fatto chiarezza: non si potrà più fare coloro che affossano il San Luigi in aula e i difensori dell'ospedale sul territorio.

BILANCIO: IL CENTRO SINISTRA CI RIPENSA E RITIRA IL MAXI EMENDAMENTO MARCHETTA. AVANTI IN AULA CON LE PROPOSTE DI FORZA ITALIA.

“Smascherato il grande bluff del centro sinistra, siamo riusciti a far ritirare al centro sinistra il maxi emendamento ‘marchetta’ presentato in questi giorni”, lo annuncia il capogruppo di Forza Italia, Gilberto Pichetto, al termine della prima Commissione consiliare, che ha approvato il bilancio di previsione 2015.
“ In un momento in cui si chiedono tanti sacrifici - prosegue Pichetto – ai piemontesi non possiamo infatti permettere che Chiamparino e la sua maggioranza utilizzino i fondi regionali per mance di partito anziché per il bene della collettività e lo sviluppo del territorio”.
La votazione del Bilancio 2015 riprenderà martedì in Consiglio Regionale, dove “ il gruppo di Forza Italia – annuncia il capogruppo – presenterà emendamenti finalizzati a garantire nuove risorse per lo sviluppo economico, le politiche sociali, le amministrazioni locali ed il turismo”.
“Vedremo – conclude Pichetto - quanti emendamenti, con nome e cognome, il centro sinistra avrà il coraggio di ripresentare in aula, e quanti invece a sostegno del territorio e delle politiche sociali sarà disposto a bocciare”.

IMMIGRAZIONE: FASSINO CHIEDA DI UTILIZZARE LE CASERME PER GLI ITALIANI.

“Se le caserme torinesi sono spazi adeguati per l’accoglienza, allora vengano immediatamente utilizzate per dare un tetto a tutti gli italiani che ancora oggi non ce l’hanno”,  così il consigliere regionale di Forza Italia,  Gian Luca Vignale replica all’appello del sindaco Fassino sulla proposta di utilizzo delle caserme per l’accoglienza profughi.

“Prima dell’accoglienza dei migranti dobbiamo pensare alla dignità e al rispetto degli italiani – continua -,  che con le proprie tasse pagano le tante strutture necessarie all'accoglienza degli stranieri. Torino e tutto il Piemonte ha già assunto un carico non più sopportabile, è arrivato il momento di dedicarsi a tutti i piemontesi e nostri connazionali in difficoltà, la cui voce oggi pare non venga più ascoltata da chi oggi siede al governo di Comune, Regione e Stato”.

UBER : SI DISCUTA SUBITO IN CONSIGLIO LA NOSTRA PROPOSTA DI LEGGE CONTRO L’ABUSIVISMO.

Per risolvere il problema Uber, contrastare l'abusivismo e colmare il vuoto legislativo, abbiamo presentato una proposta di legge in Regione che ha ricevuto il parere favorevole del Consiglio delle Autonomie Locali.
Il testo sancisce un principio elementare, ma fondamentale: individua l'abusivismo nel trasporto delle persone. Infatti la proposta di legge prevede che solo tassisti o noleggiatori possano svolgere il servizio di trasporto a chiamata con corresponsione economica. Questo significa che, a legge approvata, non ci saranno dubbi rispetto su chi è abusivo, e quindi soggetto a sanzione e chi no.

FONDAZIONE XX MARZO: BENE CONTRIBUTI ALLA VIA LATTEA, ORA LA REGIONE SI ATTIVI ANCHE PER ALTRI SITI OLIMPICI. PRESENTATA MOZIONE IN REGIONE.

Abbiamo presentato in Regione una mozione che impegna la Regione ad attivarsi affinché la Fondazione XX Marzo convochi subito un nuovo consiglio di amministrazione, finalizzato a dedicare altrettanti investimenti pubblici agli altri territori olimpici, quali innanzitutto Bardonecchia ed il Pian del Frais. 
Il patto siglato tra Regione Piemonte, Sestrieres Spa, Fondazione Postolimpica e Comuni dell’Unione Vialattea (Sestriere, Sauze d’Oulx, Cesana, Claviere) che prevede, nei prossimi 5 anni, un investimento globale di 20 milioni di euro, suddivisi a metà tra privato (Vialattea) e pubblico (fondi avanzati del Tesoretto Olimpico di Torino 2006 ci allieta, non solo perché porterà ritorni economici per il comprensorio ma soprattutto perché significa che da oggi la Fondazione XX Marzo, dedicherà risorse ed investimenti anche per il potenziamento dell’impiantistica e la promozione delle aree sciabili. Tuttavia la Regione si deve ora impegnare per evitare squilibri tra i principali comprensori sciistici e assicurarsi che quello della Via Lattea sia un progetto pilota, a cui seguiranno nuovi investimenti per tutti i territori olimpici.

L’UNCEM NON RINUNCI A FARE IL SINDACATO STIMOLANDO LA GIUNTA REGIONALE AD ESSERE PIÙ ATTIVA PER LA MONTAGNA.

“Lavorare in modo coordinato per la montagna, utilizzando al meglio i fondi europei, programmando un piano energetico efficiente, superando il divario digitale e soprattutto garantendo i servizi nelle aree alpine e appenniniche" questi i temi fondamentali su cui la Regione deve lavorare nei prossimi mesi, presentati oggi dal consigliere regionale Gian Luca Vignale nel suo intervento al Congresso regionale dell’Uncem tenutosi questa mattina a Torino.

Il già assessore alla montagna ha inoltre chiarito “ su questi temi l’Uncem deve tenere alta l’attenzione ed essere da stimolo per questa giunta regionale, che oggi appare un pò ferma. Nel passato siamo riusciti a dimostrare che quando la montagna è unita si possono raggiungere grandi risultati. Oggi non possiamo permetterci di perdere le grandi occasioni che abbiamo di fronte, prima tra tutte la prossima programmazione europea”.

NOMADI:TUTTI DEVONO RISPETTARE LE REGOLE. CHI E’ ROM DEVE SCEGLIERE TRA NOMADISMO E STANZIALITA’. NO CORSIE PREFERENZIALI

I numeri diffusi oggi di ben 7000 nomadi (identificati) in Piemonte dimostrano che il fenomeno va affrontato e regolamentato. 
Furti, sporcizia, abusivismo e minori lasciati nel degrado o costretti a mendicare sono fenomeni che nessun cittadino può continuare a tollerare, a causa di amministrazioni miopi e politiche ipocrite. Le leggi vanno rispettate da tutti, dai cittadini piemontesi e dagli italiani come dai rom.
Per questo motivo abbiamo presentato in Regione una proposta di legge regionale che introduce poche e semplici regole che però garantiranno sicurezza e legalità per tutti. Ovvero: obbligo di identificazione per ogni nomade e permanenza massima in un campo di tre mesi, oltre i quali bisognerà scegliere tra stanzialità o nomadismo, allontanamento immediato per chi dopo 90 giorni di permanenza non ha lavoro e mezzi sufficienti per auto-sostenersi, card di identificazione, istituzione del Commissario regionale per la tutela del nomadismo e contrasto all'abusivismo, quota giornaliera per ciascun nucleo famigliare rom da versare al comune per l'utilizzo di acqua,gas, luce, rifiuti.

AMBIENTE, VIGNALE (FI): NUOVA LEGGE SUI PARCHI CREA VINCOLI SENZA PROMOZIONE.

La nuova legge sui parchi che sta discutendo la Commissione Ambiente del Consiglio regionale piemontese creerà solo vincoli per i residenti senza alcuna forma di promozione e valorizzazione territoriale. Non è un caso che, dopo un mese di discussione, su 22 articoli di legge da discutere si sia ancora fermi all’articolo 1.

Nella seduta odierna sono stati bocciati dal centrosinistra una serie di nostri emendamenti che cercavano di migliorare una legge di riordino delle aree protette imbalsamata sul semplice concetto di vincolo ambientale. La tutela del territorio è centrale, ma non ci si può dimenticare che questa va sostenuta anche con una serie di politiche e misure volte alla promozione e al sostegno di chi si trova a vivere o operare in queste aree. È paradossale che il centrosinistra continui a dire ai cittadini che sarà una legge che aiuterà la crescita e la promozione, quando oggi in Commissione l’assessore Alberto Valmaggia ci ha detto che tutte le proposte volte a questi due scopi, a prescindere dai contenuti, non saranno accolte perché non ci sono risorse.

APPROVATA LA LEGGE SULL'AUTORECUPERO. UN AIUTO AI TANTI PIEMONTESI CHE NECESSITANO DI UN'ABITAZIONE E ALLE PICCOLE IMPRESE EDILI ARTIGIANE.

"Oggi il Consiglio regionale ha approvato la legge sull'autorecupero degli immobili dell'edilizia sociale che potranno essere resi abitabili direttamente dai cittadini o con il proprio lavoro o con un contributo fino a 7.000 euro in parte sotto forma di contributo, in parte di scomputo del canone d'affitto".

“Introdurre il principio dell’autorecupero – ha sottolineato Gian Luca Vignale (FI), relatore di minoranza – è molto positivo, poiché mette a disposizione più alloggi pubblici e aiuta anche le piccole imprese artigiane. Temiamo però che sarà favorito chi oggi in graduatoria ha un reddito più alto e dispone delle cifre necessarie per eseguire gli interventi. Avremmo preferito che la Giunta accogliesse la nostra proposta, che prevedeva fossero le Atc a pagare le fatture. A bilancio invariato, dovremo reperire fondi da destinare a questo capitolo”.

SICUREZZA, PRESENTATO IL PROGETTO DI LEGGE DI FORZA ITALIA CHE PREVEDE NUOVE REGOLE PER I NOMADI.

“Una proposta di legge per obbligare i rom a scegliere in modo definitivo tra la stanzialità e il nomadismo originario, e riportare serenità e sicurezza sul territorio piemontese”. Sono questi gli obiettivi della proposta di legge presentata dal consigliere regionale di Forza Italia Gian Luca Vignale primo firmatario della stessa.

In Piemonte ci sono circa 3600 nomadi censiti, di questi molti vivono nei campi rom dalla nascita. A questo si aggiunge il problema dei campi abusivi che crea attriti sociali, illegalità e insicurezza esplosi ad esempio nell’assolto di un campo abusivo. Il testo intende affrontare il problema nomadi con misure strutturate e complesse per superare l’attuale emergenza rom, causata da anni di miopia politica e che oggi porta a fenomeni di illegalità, insicurezza ma anche scontri e disagi sociali.

INIZIA IL TRASLOCO DEL SAN LUIGI E INIZIA L’APPLICAZIONE DELLA REVISIONE DELLA RETE OSPEDALIERA.

“Gli atti smentiscono Saitta. L’Assessore, incontrando amministratori locali e operatori del settore, continua a spergiurare che la revisione della rete ospedaliera inizierà dopo la nomina dei Direttori Generali e verrà attuata nel prossimo biennio. Peccato che, in una determina del 23 marzo, il Direttore Generale abbia dato precise indicazioni sulla concentrazione della diagnostica di laboratorio, dimostrando invece l’esatto opposto”. Così il consigliere regionale di Forza Italia, Gianluca Vignale.

ALLUVIONI: FORZA ITALIA PRESENTA UNA LEGGE PER EVITARE I TAGLI DI QUEST’ANNO E SOSTENERE LE IMPRESE.

"Dopo i tagli di oltre 50 milioni di euro di fondi regionali e i risicatissimi aiuti statali abbiamo presentato un disegno di legge in Regione in grado di garantire le imprese danneggiate dagli eventi calamitosi” lo annunciano i componenti del gruppo regionale di Forza Italia.
Stop alla rincorsa per costruire provvedimenti e strumenti d’emergenza: con questa legge Forza Italia intende tutelare in modo permanente le aziende dai danni subiti durante le alluvioni.

ISIS: IL TERRORISMO E’ ORAMAI NOSTRO VICINO DI CASA. LA SINISTRA E IL GOVERNO SI SVEGLINO. INTERROGAZIONE IN REGIONE.

La notizia dell’operazione antiterrorismo della Polizia che ha portato a tre arresti, due dei quali in Provincia di Torino, dimostra che l’Isis ci ha già raggiunti.
Continuare a fingere che il continuo afflusso di immigrati non celi il rischio di terrorismo è un gravissimo errore che non possiamo più permetterci. Quanto accaduto non deve stupire: la cultura dell’accoglienza ad ogni costo e il continuo giustificazionismo di quanto accade nella nostra città e nelle moschee dove da anni vengono fatte collette per i guerrieri che si recavano in Siria, non poteva che portare alla situazione attuale la nostra cultura e i nostri valori.
Chi governa regione e paese deve ora svegliarsi, e fare tutto il possibile per bloccare il rischio islamico, non a parole ma a fatti: bloccando gli sbarchi, fermando l’immigrazione clandestina controllando in modo rigorosissimo quanto accade nelle moschee più estremiste.

PER FINANZIARE LE PROVINCE AZZERATE LE RISORSE AI COMUNI PER LE FUNZIONI FONDAMENTALI.

Oggi in prima commissione la giunta regionale ha consegnato i dati del bilancio di previsione 2015 relativamente alle deleghe dell'assessore Reschigna (programmazione,bilancio, enti locali, patrimonio).
Abbiamo così visto che per finanziare le ex Province, tra l’altro tutt’ora senza funzioni, vengono azzerate le risorse per lo svolgimento delle funzioni fondamentali per i Comuni.
Questo significa che enti, come le Province, che oggi, a causa dell’inerzia di questa amministrazione, lasciate ancora senza funzioni specifiche si vedranno aumentare le risorse di ben 16 milioni di euro in un solo anno, mentre i piccoli Comuni non avranno un solo euro dalla Regione per svolgere funzioni cui sono obbligati per legge.

TAGLIO ALLA SANITÀ PRIVATA SIGNIFICA AUMENTO DELLE LISTE D'ATTESA E PERDITA di POSTI DI LAVORO E di RISORSE IMPORTANTI PER IL PIEMONTE.

Saitta e il PD stanno inferendo un duro colpo alla sanità privata, peraltro illogico e immotivato. 
La riforma ospedaliera imposta dal centro sinistra infatti penalizza eccessivamente il sistema privato, riducendo di ben 650, su 1520, i posti letto per le acuzie esistenti nelle cliniche accreditate, ovvero oltre il 42 per cento. Il tutto senza contare che la sanità privata garantisce il 30% complessivo della mobilità attiva della sanità piemontese, per un totale di circa 70 milioni di euro annui di maggiori entrate.

NUOVI CIMITERI E CREMATORI: SI ISTITUZIONALIZZA UN MONOPOLIO.

Il Piano regionale di coordinamento per la realizzazione di nuovi cimiteri e crematori, in discussione oggi in Consiglio Regionale, è un inaccettabile regalo ai, pochi, soggetti che oggi in Piemonte realizzano il servizio di cremazione dei defunti. In una regione in cui le cremazioni sono raddoppiate in pochi anni, passando da 11 mila a 23 mila, e l’indice di vecchiaia è molto alto, bloccare l’ingresso di nuovi impianti sul mercato significa di fatto istituzionalizzare un monopolio esistente, a svantaggio dei piemontesi che vedranno aumentare i costi per la cremazione dei loro defunti. Un conto è regolamentare altro è istituzionalizzare un monopolio.

CESOIA E MANNAIE SUL TURISMO PIEMONTESE.

Più che dimezzati i fondi dedicati al turismo piemontese, che da 41 milioni di euro stanziati nel 2014 passeranno a 20 milioni di euro, nel bilancio 2015 presentato in questi giorni dalla giunta regionale.

È davvero paradossale che nell’anno dell’ostensione della Sindone, dell’Expo e del bicentenario della nascita di Don Bosco la Regione tagli, anziché aumentare, le risorse dedicate al turismo. Questi fondi sono fondamentali per promuovere la nostra Regione e le nostre eccellenze a livello nazionale ed internazionale, per coordinare l’offerta turistica e gestire al meglio i tanti visitatori che quest’anno arriveranno.I

LE PROPOSTE DI FORZA ITALIA PER RILANCIARE, CON FONDI EUROPEI, UN SETTORE STRATEGICO

 Superare il digital divide utilizzando al meglio i fondi europei e attuando una strategia quadro triennale che razionalizzi l’utilizzo del sottosuolo regionale e disciplini la realizzazione delle infrastrutture a banda larga.

 Questi gli obiettivi principali della proposta di legge “Misure per lo sviluppo della rete pubblica regionale per le telecomunicazioni”, presentata questa mattina in conferenza stampa dal gruppo regionale di Forza Italia.

 La vera novità di questo testo – dichiara il capogruppo Gilberto Pichetto, capogruppo di Forza Italia -  è la volontà di rimettere in ordine un assetto frammentato e diversificato. In sintesi è come se si volesse organizzare una stanza disordinata, per creare spazio e dare luce ai locali”.

 

LA SINISTRA BOCCIA IL CONSIGLIO APERTO SULLA CULTURA. LO CHIEDEREMO NOI.

“Oggi la maggioranza ha bocciato la proposta del presidente Laus di convocare un Consiglio Regionale aperto sulla cultura. Se ne facciano una ragione, la seduta si farà perché la chiederemo noi”, lo dichiarano il capogruppo di Forza Italia, Gilberto Pichetto, e il consigliere regionale, Gian Luca Vignale, al termine della conferenza capigruppo.

“Nel bilancio appena presentato, la cultura subisce tagli insostenibili - spiegano-. Forse questa maggioranza crede che la cultura sia un mero passatempo, noi no. Soprattutto nell’anno dell’Expo 2015 e dell’esposizione sindonologica. Serve un confronto aperto e un dibattito con tutti i gruppi consiliari per indicare  priorità e linee d’azione. Forse questa maggioranza crede che la cultura sia un mero passatempo, noi no”.